Lavoro, Daniele (Pd): “Si rinnovi al più presto il contratto telecomunicazioni “

1 febbraio 2017 –

“Oggi i lavoratori delle telecomunicazioni hanno scioperato per il mancato rinnovo del contratto di lavoro. In Campania vi è stata grande adesione allo sciopero ed una grande partecipazione alla manifestazione proclamata unitariamente dai sindacati. Quello delle telecomunicazioni è un settore cruciale su cui si basa l’innovazione del Paese e non può non fondarsi su adeguate basi economiche, inoltre intorno a questo mondo ruotano migliaia di lavoratori i cui diritti non possono continuare ad essere messi da parte con il blocco della contrattazione od uno svilimento di essa.  In questi ultimi anni ci hanno spiegato che per aumentare l’occupazione e far ripartire l’economia si dovevano ridurre le tutele, vedi articolo 18; aumentare la precarietà, vedi voucher ed appalti; superare i sindacati ormai obsoleti. Bene, credo che queste politiche, a partire dal Jobs Act, non solo non hanno prodotto alcun beneficio alle aziende, ma la disoccupazione, soprattutto nel Mezzogiorno, è addirittura aumentata non appena è terminato l’effetto della decontribuzione. Gli ultimi dati dell’Istat sulla disoccupazione giovanile al 40% fanno seriamente riflettere. Ora dobbiamo ripartire dai diritti ed essere consapevoli che se si vogliono aumentare i salari e ridurre la disoccupazione servono ben altre politiche economiche, che puntino sullo sviluppo, sulla qualità e sull’innovazione.  Ma va anche detto, con chiarezza, che servono dei sindacati forti che svolgano al meglio la loro funzione di rappresentanza democratica. Ora rinnoviamo al più presto il contratto di lavoro, consapevoli che per fare ciò serve anche la responsabilità delle imprese”.